14 Giugno 2024
Comunicati RegionaliNews

Benessere del personale: parcheggi per il personale all’interno del 3° Reggimento CC “Lombardia”

MILANO – Presso il 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia” sono presenti diverse aree di sosta, nelle adiacenze delle palazzine e in Piazza d’Armi, a disposizione delle automobili private dei militari accasermati e non.

La disponibilità di ampi spazi ha permesso al Comando di Reggimento, già dal 2014, di concedere a tutto il personale l’autorizzazione a parcheggiare in caserma. Prima di quel periodo vi erano un certo numero di posti assegnati ad ogni Compagnia ma insufficienti a soddisfare le necessità del personale, soprattutto per quello operativo impiegato su turni. Un accurato studio degli spazi e una maggiore attenzione dell’allora Comandante di Battaglione, avevano permesso di autorizzare tutto il personale del Reggimento, e del Reparto Anticrimine, a parcheggiare in caserma.

Da qualche mese, invece, incomprensibilmente è stato inibito il parcheggio negli stalli di sosta situati davanti alla Palazzina Comando, circa 25 posti.

Tale situazione ha reso, logicamente, più complesso parcheggiare per tutto il personale della Caserma. Situazione ulteriormente aggravatasi da quando ulteriori 10/15 posti auto situati nelle adiacenze della Palazzina Sud sono stati inibiti per problemi di sicurezza, a causa del rischio di caduta tegole dal tetto della stessa.

Di fatto, alla data odierna, il mancato utilizzo dei parcheggi nelle adiacenze della palazzina Comando, unito all’arrivo, nel corso del corrente mese, di una cinquantina di nuovi carabinieri, fa sì che, soprattutto negli orari di apertura degli uffici della componente logistica/burocratica, sia praticamente impossibile trovare parcheggio per quei i militari, costretti al pendolarismo, che vivono al di fuori della caserma.

Gli stipendi inadeguati, l’alto costo della vita in una città come Milano, costringono la stragrande maggioranza dei militari, compreso quelli effettivi al 3°Rgt, ad individuare soluzioni abitative distanti dal luogo di lavoro e, in alcuni casi, in zone scarsamente servite dai mezzi pubblici. La scelta di servirsi di un mezzo privato, oltre a gravare sul bilancio familiare, è nei fatti, spesso, una scelta obbligata.

Impedire, od ostacolare, la fruizione di un parcheggio gratuito all’interno della caserma non può che influire negativamente sul benessere del personale, già gravemente provato dai continui rincari del costo della vita a cui, ad oggi, non è seguito alcun adeguamento salariale.

Questa segreteria auspica che quanto prima si ponga rimedio a tale criticità, ripristinando la possibilità di parcheggio in tutte le aree idonee interne alla caserma, anche mediante una riorganizzazione degli spazi adibiti al parcheggio dei mezzi militari.

 

SIM CARABINIERI
Segreteria Provinciale di Milano

#maipiùsoli

Rispondi