Le Vittime del Dovere costrette ad elemosinare i loro diritti

Impegni non mantenuti anche da questo Governo?

Monza, 12 dicembre 2019 – In queste giornate strategiche, dove si sta definendo la manovra economica del nostro Paese,tra contrattazioni, scambi e baratti, la Politica italiana manifesta il vuoto di tutta la propria essenza: nessuna programmazione di lungo respiro, l’assordante silenzio circa gli impegni assunti, l’assenza di un’analisi dei bisogni effettivi e la mancata valutazione di risposte concrete. Conta solo chi ha strumenti, numeri, potere per fare pressioni mirate e azioni di forza. Ed ecco, come puntualmente accade ogni anno, dopo incontri strappati, documenti enciclopedici, telefonate reiterate, il tema dell’inaccettabile discriminazione operata ai danni delle vittime del Dovere, viene ancora una volta eclissata dal Governo e dai “mandarini” dei ministeri.
A nulla valgono le promesse dei Politici durante i colloqui, le strette di mano, i loro impegni urlati ai telegiornali, i buoni propositi scritti nei comunicati stampa dalle loro segreterie particolari. Le ragioni dei numeri, della quadratura dei bilanci, la mancanza atavica di fondi negati alle vittime del dovere, ma misteriosamente e puntualmente recuperati all’ultimo minuto, per gli amici degli amici, per le cause più assurde ed insignificanti, seppelliscono sempre più in fondo la dignità, la compostezza, l’eroismo di chi ha dato la vita per lo Stato e nella nuda terra giace.
Abbiamo rappresentato in tutti i contesti il fatto che l’emendamento di risarcimento per le Vittime del Dovere, caparbiamente presentato dalla nostra Associazione da oltre un decennio, permetterebbe di far risparmiare denaro pubblico e ci eviterebbe l’umiliazione di promuovere cause contro quello Stato per cui i nostri cari hanno dato la vita. In questi ultimi anni di porte sbattute in faccia ne abbiamo avute tante e purtroppo sempre in prossimità delle festività natalizie, quando l’assenza dei nostri cari è ancor più dolorosa.
Tutti i Governi, di tutti i vari partiti, dal 2008 ad oggi con argomentazioni inconsistenti si sono sottratti alle loro responsabilità. A noi nel frattempo resta quella sedia vuota…
Anche quest’anno tristemente nefasto e che rimarrà negli annali per la lunga scia di sangue di vittime del dovere, abbiamo assistito alle passerelle dei politici di turno che puntualmente ad ogni funerale hanno manifestato i soliti buoni propositi. Impegni che ormai neanche più ci scompongono perché smentiti dalla realtà dei fatti. Anche chi si proponeva come forza politica diversa nel modus pensandi et operandi si è dimostrato fino ad oggi allineato alla tradizione politica del Paese, che non mette tra le priorità la tutela della dignità e della memoria di chi lo Stato lo serve e ne garantisce la continuità a prezzo della propria vita. Nella tradizione storica e culturale di ogni grande popolo e in tutte le epoche storiche, chi muore per i grandi ideali, espressione del sentire umano e per garantire la sicurezza delle Nazioni ha l’onore di restare imperituro nella memoria collettiva.
L’ Aretè era nella tradizione culturale greca, culla del sapere occidentale, la capacità di compiere bene il proprio dovere. Speriamo che questa virtus, propria del destino dei nostri cari, non faccia difetto ai nostri Ministri.
Attendiamo in queste poche ore rimaste, un sussulto di coerenza e di onestà intellettuale che non dovrebbe mai mancare a chi guida la nostra meravigliosa Patria, terra ricca di storia, bellezza e cultura, che le Vittime del Dovere nella loro umiltà hanno onorato.

Emanuela Piantadosi,

Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere

Margot Alessandra D'Andrea

Responsabile Ufficio Stampa SIM Carabinieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: