#Covid, lockdown e coprifuoco: a farne le spese sono i Carabinieri.

Dovevamo uscirne migliori, dicevano. Consapevoli della gravità della situazione sanitaria ed economica, comprensivi verso il prossimo e “riconoscenti”, forse, nei riguardi di chi in questo annus horribilis è stato in prima linea al servizio della popolazione. Invece l’ennesimo lockdown imposto sotto queste festività, non ha fatto altro che esacerbare gli animi di alcuni. Basta leggere la cronaca di questi giorni, da nord a sud, per ritrovare immancabilmente episodi di violenza contro chi è chiamato a far rispettare le leggi del governo, coprifuoco compreso. E così un ventunenne ha pensato bene, dopo la multa per violazione delle norme anti covid, di prepare bottiglie molotov da lanciare contro la stazione carabinieri di Campofiorito nel Palermitano. E se fortunatamente l’episodio non ha avuto conseguenze ben più tragiche, lo stesso non possono dire i colleghi della Stazione di Castello di Serravalle, feriti in una vera e propria aggressione da parte di quattro rumeni che volevano “liberare” un connazionale fermato dopo un controllo a tarda notte, durante il quale aveva già colpito con calci e pugni i militari. Questo è il clima nel quale ci troviamo costantemente e quotidianamente ad espletare il nostro lavoro! La fortuna vuole che le azioni di questi balordi non abbiano portato tragiche conseguenze. Di certo con gli stupidi questo virus c’entra poco però, di fatto, le nostre armi spuntate ci costringono giornalmente a ricorrere a cure mediche, quando va bene. Noi Carabinieri non arretreremo mai di un millimetro e continueremo a servire il Paese senza se e senza ma. L’unica cosa che chiediamo solo regole di ingaggio certe e tutele vere per chi durante il proprio servizio incappa in spiacevoli episodi; per questo il SIM Carabinieri non smetterà mai di chiedere le famose “Garanzie Funzionali”, mettendo sul “conto morale” ogni ferito delle Forze dell’Ordine a chi, in questo governo, è deputato a proteggere chi protegge.  Andrà tutto bene, dicevano.

SIM CARABINIERI
Riproduzione riservata ©

 

Margot Alessandra D'Andrea

Responsabile Ufficio Stampa SIM Carabinieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: