22 Aprile 2024
News

Rissa di Marotta: il Questore non fa mea culpa.

MAROTTA (Pesaro e Urbino) – Non si placa l’eco di quanto accaduto nei giorni scorsi a Marotta a danno di due colleghi Carabinieri e da noi riportato in un precedente articolo.
Ed ecco che prontamente e a tutela della propria immagine, il Questore di Pesaro e Urbino, Michele Todisco, non ammette le colpe sulla pessima gestione degli addetti e responsabili della Polizia di Stato nella provincia di sua competenza ma, addirittura, incalza affermando di aver chiesto rinforzi al Ministero.
Allora, Signor Questore, dobbiamo ritenere che tutte le colpe siano riconducibili esclusivamente al Signor Ministro dell’Interno? Basterebbe ricordare che “dalla condotta di alcuni, dipende il destino di tutti” e mentre Lei si barcamena nel solito scaricabarile tipicamente italico, che ai più sembra assolutamente irriverente nei confronti dei cittadini di cui dovrebbe occuparsi, l’Arma dei Carabinieri continua ad assicurare i servizi sul territorio anche a spregio di licenze e riposi settimanali, come abbiamo denunciato solo pochi giorni or sono. (quì)
Ma quello che è successo a Marotta è solo uno spaccato di ciò che avviene ormai in tutta la Nazione: Carabinieri sempre presenti e altri a “corrente alternata“.
Noi del SIM Carabinieri non imputiamo nessuna colpa ai nostri fratelli di giubba diversa, ma puntiamo il dito contro una gestione in questo caso carente e non perfettamente organizzata. Non che la nostra a volte non lo sia in egual modo ma, nonostante ciò, tutte le lacune vengono colmate grazie a quei ” piccoli comandanti” dislocati sull’intero territorio nazionale, e da quei Carabinieri che sacrificano, limitandoli, i loro meritatissimi periodi di riposo estivo a fronte delle contingenti situazioni di necessità operative.
Come se non bastasse c’è anche chi di notte sogna il passaggio dell’Arma dei Carabinieri alle dipendenze del Ministero dell’Interno: lo crediamo bene, dati i benefici che ne deriverebbero e che sono sotto gli occhi di tutti, ovvero una organizzazione efficiente e sempre presente sul territorio a costo zero. Troppo facile! E le scelte facili non sempre sono quelle più giuste.

SIM CARABINIERI
Segreteria Nazionale

Rispondi