Comunicato stampa SIM Piemonte e Valle d’Aosta

Torino – In data odierna abbiamo appreso dagli organi di stampa della vicenda che ha colpito una giovane collega, vittima di “reveng porn“, due parole che le saranno pesate come macigni insostenibili, un peso insopportabile per chiunque. In lei tuttavia ha prevalso il coraggio del Carabiniere ed ha trovato la forza per denunciare “ l’orco “e portarlo allo scoperto, un campo nel quale poi questi soggetti dimostrano tutta la loro codardia.

Come Sindacato siamo da sempre attenti a queste tematiche,  portando avanti da tempo una campagna di sensibilizzazione in materia di stalking, maltrattamenti in famiglia, fino alla più attuale normativa sul cosiddetto “codice rosso“, relativa alla violenza di genere, con lo scopo di vincere quelle sacche di resistenza alla denuncia da parte delle vittime che purtroppo ancora esistono.

Il SIM Carabinieri e la Segreteria Regionale SIM CC Piemonte e Valle D’Aosta, nell’esprimere unanimamente totale solidarietà alla collega, si pongono nel contempo a Sua completa disposizione, con tutte le proprie risorse.  Avversiamo la violenza sotto qualsiasi forma si manifesti ed è proprio per questo motivo che ci sentiamo ancora di più vicini alla nostra collega in questa battaglia. #maipiùsoli

 

SIM CARABINIERI

Antonio Serpi
Segretario Generale Nazionale SIM Carabinieri

Pier Luigi Capra
Segretario Generale SIMCC
Regione Piemonte e Valle d’Aosta

Riproduzione riservata ©

Margot Alessandra D'Andrea

Responsabile Ufficio Stampa SIM Carabinieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: