22 Febbraio 2024
CoronavirusNews

Libertà vaccinale: discriminazione degli operatori del comparto sicurezza e difesa

Oramai da lungo tempo, i cittadini italiani tutti e con essi e tra di essi i cittadini italiani in uniforme si trovano a fronteggiare i pericoli, le privazioni, le rinunce connesse alla dichiarazione dello stato di emergenza nazionale prorogato in ultimo fino al 31.12.2021. Con slancio, fino dalle prime avvisaglie di questa dichiarata pandemia, tutti gli italiani con essi e tra di essi i componenti delle forze dell’ordine e delle forze armate dello Stato hanno dimostrato fiducia, abnegazione e fermezza nel fronteggiare il nemico invisibile costituito dal SARS COV-2. Oggi, soprattutto ai cittadini in uniforme è richiesto di ricordare il proprio giuramento, di risvegliarlo, nel proprio essere a livello molecolare quale anticorpo creatosi a reazione di periodi troppo cupi e dolorosi della nostra storia.
Quale è dunque la formula del nostro giuramento? Ricordiamola: “Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni”. Nessuno di noi la ripudia e anzi, i sacrifici collettivi e personali di migliaia di uomini e donne di ogni ordine e grado quotidianamente sono offerti sull’altare della nostra amata patria, con sincerità di intenti e amore, a Dio e ai fratelli italiani. Da tempo, gli sforzi e le rinunce tributati dai cittadini italiani, anche da quelli in uniforme che ci pregiamo di rappresentare, sono svilite da decisioni e prese di posizione di un esecutivo, sordo ed autoreferenziale che nonostante tutto non si riescono a correlare alla emergenza sanitaria in essere, anzi in taluni casi si palesano come volontà di forzare la mano in scelte che in virtù di Vacatio Legis in materia di obbligo di adesione alla campagna vaccinale, sono rimesse in toto alla sensibilità personale, al credo, ed alle libertà garantite costituzionalmente ai cittadini.

L’articolo 32 della Costituzione italiana recita fedelmente quanto segue: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.” La sola lettura del riportato articolo avrebbe dovuto suggerire cautela nel trattare la particolare tematica ove il diritto dell’individuo e l’interesse della collettività vengono fatti equivalere, ma così non è stato. Nel silenzio quasi totale del Parlamento abbiamo potuto veder fiorire decreti legge come il n. 105 del 23 luglio 2021 nei quali abbiamo visto sdoganato il concetto di “certificazione verde” o “Green Pass” per usare anglicismi; con l’avvento di questo ci siamo dovuti confrontare con la normalizzazione dell’esistenza di italiani degni e di italiani non degni di accedere e accomodarsi, tra tanti, al tavolo di un bar, di un ristorante, di una biblioteca, di un centro culturale, o di una mensa militare. Tali distinguo si concretizzavano nonostante non avessero fondate evidenze scientifiche, si è potuto riscontrare infatti che sia persone vaccinate che non vaccinate possono infettarsi di SARS COV-2 ed infettare terzi coi quali entrassero in contatto. Le prime persone vaccinate e titolari di green pass, libere di circolare, ammantate di un errato senso di sicurezza, le seconde costrette a proprie spese a produrre l’esito di un tampone invasivo della persona ogni 48 ore.

La stampa alla data odierna ha già riportato notizia di svariati episodi ove, è capitato che anche personale sanitario completamente vaccinato si reinfettasse e infettasse altri, con manifestazioni anche sintomatiche. Da tale succitato assunto sarebbe dovuta di fatto decadere la discriminazione tra italiani vaccinati e non vaccinati, ma no! Con decreto Legge nr. 111 del 6 Agosto 2021, in nome dell’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti si estendeva l’obbligo di certificazione verde ad ulteriori categorie di persone e lavoratori, introducendo la discriminazione, senza avallo scientifico, non a sole attività di svago, ma anche ai luoghi di lavoro minando le basi di un ulteriore fondamentale diritto riconosciuto dall’art. 4 della costituzione: Il lavoro!

Con decreto Legge n. 122 del 10 settembre 2021, abbiamo assistito ad un ulteriore allargamento dell’obbligo di certificazione verde e relativa contrazione delle facoltà di chi opera in ambito  scolastico, della formazione superiore e socio sanitario-assistenziale.

Ad oggi si discute dell’ applicazione di tale discriminatorio strumento sotto il nome di Super green pass a tutto il pubblico impiego entro la prima decade di Ottobre 2021, con ripercussioni sul Lavoro di migliaia di persone colpite sulla propria capacità di produrre reddito per la sussistenza della famiglia. Giova menzionare che, se non bastasse e dovrebbe essere più che bastevole, la massima legge dello Stato,  anche la comunità europea con il suo regolamento (UE) 2021/953 all’articolo 36 riporta quanto segue: “ È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate, o hanno scelto di non essere vaccinate. Pertanto il possesso di un certificato di vaccinazione, o di un certificato di vaccinazione che attesti l’uso di uno specifico vaccino anti COVID-19, non dovrebbe costituire una condizione preliminare per l’esercizio del diritto di libera circolazione o per l’utilizzo di servizi di trasporto passeggeri transfrontalieri quali linee aeree, treni, pullman, traghetti o qualsiasi altro mezzo di trasporto. Inoltre, il presente regolamento non può essere interpretato nel senso che istituisce un diritto o un obbligo a essere vaccinati”

Dalle parole dello Stesso Ministro della funzione Pubblica Renato Brunetta possiamo apprendere quale sia il vero fine della applicazione ed estensione Urbi et Orbi del certificato Verde, infatti egli Stesso diceva : (da il Fatto Quotidiano del 10.09.2021)  “Il Green pass è una misura “geniale” e in futuro dovrà valere per tutti i lavoratori, sia nel pubblico che del privato.” Ad avviso del ministro “il Green pass aumenta il costo sia psichico che monetario per gli opportunisti contrari al vaccino” costringendoli a fare il tampone e, contestualmente, “diminuisce la circolazione del virus, quindi la nascita di nuove varianti”.

Queste dichiarazioni disvelano di fatto l’introduzione di un obbligo surrettizio di vaccinazione, quindi ciò che non può essere introdotto per legge, viene imposto con lo spauracchio di non poter più vivere, non poter più studiare, condurre una vita normale, produrre reddito per il sostentamento proprio e del proprio nucleo familiare. Dunque se la tutela della salute fosse la finalità prima della introduzione del certificato verde sarebbe auspicabile che questo venisse ottenuto da tutti indistintamente mediante tampone, meglio se salivare, e con costi a carico dello Stato. Si teme che gli operatori del settore sicurezza e difesa, per la sola Arma dei Carabinieri circa il 20 % della forza complessiva, si possa trovare a non poter più prestare il proprio servizio se non cedendo al compromesso della vaccinazione, quindi o perdendo la capacità di autodeterminarsi sulla gestione del proprio corpo e della propria salute, o sottraendo importanti parti di reddito per sottoporsi a frequenti ed invasivi accertamenti sulla persona.

Auspichiamo che ogni forma di discriminazione verso gli italiani, anche in uniforme, che non si sono potuti o voluti sottoporre a vaccinazione possa cessare quanto prima, che l’esecutivo riveda le sue posizioni sulla applicazione di norme illogiche e controproducenti, restituendo la serenità a quanti quotidianamente si impegnano per il bene della Nazione in situazioni di estremo disagio e spesso di frustrazione originantesi dalla prossimità alle reali e quotidiane problematiche del paese.

 

SIM CARABINIERI Segreteria Regionale Sardegna 
Vincenzo Gerardo Di Rosa
Segretario Generale Regionale SIMCC Sardegna 

 

 

 

 

 

Rispondi