SIM Carabinieri Calabria: ” Un gruppo solidale per i colleghi.”

Dopo il Piemonte e la Lombardia anche la Calabria incarna alla perfezione lo spirito del SIM. UNITI DAL VINCOLO DELL’UMILTÀ E DELLA COERENZA.

 

Il Sim Carabinieri Calabria si estranea dalle logiche disfattiste messe in campo da alcuni soggetti che, a livello nazionale, vorrebbero interpretare a modo loro l’associazione sindacale.

La storia dei sindacati è soprattutto la storia dei lavoratori che si riuniscono con lo scopo di difendere gli interessi delle proprie categorie, nello specifico la tutela degli operatori della sicurezza. Ergo, risulta incomprensibile pensare che civili  abbiano la medesima capacità di gestire un sindacato non conoscendo e non vivendo realmente le problematiche della categoria.

In attesa di conquistare una legge che ci dia tutte le competenze adeguate, oggi, noi miriamo ad un aspetto fondamentale ovvero alla rappresentatività del sindacato, il vero presupposto sul quale si valuta il potere di firmare accordi vincolanti per tutti i lavoratori del settore cui lo stesso si riferisce, nonché all’accesso alle tutele dell’attività sindacale previste dalla legge (art. 19 dello Statuto dei lavoratori).

Attualmente abbiamo iniziato a svolgere alcune funzioni che, al momento,  ci sono consentite: ossia consigli sulla disciplina militare, sulle varie circolari, ecc….
Altresì siamo pronti al raggiungimento di una serie di agevolazioni per gli associati.

Nello specifico si sta provvedendo a stringere protocolli d’intesa con studi legali di carattere nazionale (Es. STUDIO LEGALE MARIANI con sede in Roma) negli ambiti del diritto civile, amministrativo e penale militare, ma saremo i primi a costituire una task force di Avvocati competenti nelle materie delle cause di servizio e nelle pratiche per il riconoscimento di status di vittime del dovere e del terrorismo.

Altro tema che sta a cuore è una mutua sanitaria per gli associati quindi un WELFARE SANITARIO (oggi trascurato nelle Forze di Polizia) ad un prezzo diverso dalle assicurazioni, che sia tra l’altro capace di dare la possibilità agli associati di usufruire di trattamenti e prestazioni sanitarie con l’annessa possibilità di avere dei sussidi per le spese sanitarie.

In conclusione, da settembre faremo degli incontri informativi, delle giornate con esperti di disciplina militare e di disciplina amministrativa per dare qualcosa di concreto, raccontando nel contempo l’inizio della nostra sorprendente storia che grazie ad un umile uomo, il segretario generale Antonio SERPI, si è potuta realizzare.

SIM Calabria

#MAIPIÙSOLI

Margot Alessandra D'Andrea

Responsabile Ufficio Stampa SIM Carabinieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: