Al via i test per tutti…tranne le Forze dell’Ordine!

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

 

 

Udine – Oggi, in videoconferenza, il secondo confronto in 15 giorni, tra la Regione, rappresentata dall’assessore alla sicurezza Pierpaolo Roberti, e i sindacati delle Forze dell’ordine e Vigili del Fuoco.
L’incontro, se pur a distanza non ha, infine, dato le risposte sperate: infatti apprendiamo, con estrema delusione, che la missiva inviata dalle sigle sindacali alla regione Friuli-Venezia Giulia, non ha trovato un positivo riscontro.
Nel primo incontro il Presidente Fedriga asseritamente dichiarava che, oltre la problematica della scarsa quantità di reagenti nei laboratori, che creava lungaggine nei tempi di risposta del tampone faringeo e l’affidabilità dello stesso, poneva dei limiti circa l’attendibilità e l’efficacia con l’obbligo di testarlo più volte, dando così delle false certezze che in realtà non ci sono, quindi per tale motivo, il Presidente Fedriga optava, fin da subito, per la sperimentazione apposita per il COVID19 dei test sierologici e, in attesa di una validazione scientifica, faceva sperare le sigle proponenti in una soluzione in tempi brevi. In un primo tempo, queste parole hanno dato la speranza che, come in altre regioni, si arrivasse in tempi celeri a testare il personale delle Forze di Polizia e Vigili del Fuoco, al fine di operare in sicurezza, anche in previsione delle aperture previste dalle ultime ordinanze.
Però non possiamo fare a meno di prendere atto che, come dichiarato dal Presidente, in Friuli si eseguono giornalmente i test e le analisi per 1600 tamponi faringei, con la prospettiva, grazie all’ospedale di Udine, di implementare il numerico fino a 2000/2500 al giorno, per un totale SUPERIORE circa 50mila mensili, non ci sia un piccolo spazio per i pochi operatori della sicurezza e soccorso pubblico in relazione ai numerosi tamponi.
Purtroppo con rammarico, ancora una volta, dobbiamo constatare che il personale del comparto delle forze dell’ordine e soccorso pubblico, per questa amministrazione, ricopre una priorità minima se non completamente nulla, che ci porterà nella ricerca di chi recepisce, capendo l’importanza delle nostre richieste.
Continueremo a lavorare con la massima attenzione per il bene del cittadino a cui, rispettosamente, sentiamo e dobbiamo giornalmente dare il massimo contributo in termini di energia, con ogni sforzo possibile che possa permettere quanto prima il raggiungimento di una vita serena, se pur diversa.

Si ringrazia, infine, l’assessore Pierpaolo Roberti poiché, anche se non direttamente responsabile della sanità regionale, in questo frangente ha cordialmente permesso un confronto, comunque leale, con le parti sociali.

LE SEGRETERIE CONGIUNTE

CO.NA.PO  – Vigili del Fuoco             
SAP POLIZIA
SIM GUARDIA DI FINANZA
SIM CARABINIERI
SAPPE POLIZIA PENITENZIARIA

 

 

 

Margot Alessandra D'Andrea

Responsabile Ufficio Stampa SIM Carabinieri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: